Come smettere di digrignare i denti: prevenire il bruxismo

  • Come smettere di digrignare i denti: prevenire il bruxismo

    bruxismoIl bruxismo è un disturbo che provoca il movimento involontario della mandibola, specie durante il sonno che causa indebolimento e usura dei denti.

    Stress, ansia, frustrazioni sono tra le cause più frequenti del bruxismo, un modo per scaricare la tensione nervosa accumulata.

    Può derivare anche da un problema “meccanico”: scorretto allineamento delle arcate dentarie, difetti dell’articolazione temporo-mandibolare. In altri casi, è la conseguenza di posture scorrette che, a lungo andare, favoriscono un dissestamento dell’articolazione temporomandibolare.

    Il bruxismo è “dinamico” quando il digrignamento provoca il contatto forzato tra le superfici dei denti superiori e inferiori che avviene principalmente di notte, mentre, è “statico” quando prevale la contrattura dei muscoli masticatori (serramento) che succede anche di giorno.

    Secondo gli esperti, si parla di bruxismo vero e proprio quando il fenomeno è così persistente, frequente e intenso da provocare danni ai denti e altre complicazioni.

    Il bruxismo se non curato può causare diversi danni come

    – l’accorciamento dei denti (il continuo sfregamento porta all’abrasione delle superfici dentali)
    – Indolenzimento dei muscoli del volto e del collo (specie al risveglio)
    – Denti più sensibili al caldo e al freddo
    – Difficoltà ad aprire completamente la bocca e/o a masticare

     

    Il classico dolore alla mandibola può essere un campanello di allarme e un eventuale sintomo per diagnosticare il bruxismo

     

    – Se la causa del bruxismo è lo stress o l’ansia bisogna intervenire attraverso strategie psicologiche e comportamentali che aiutino a scaricare le tensioni
    – Si può ricorrere al bite che consiste in un “paradenti” in resina da inserire in bocca prima di dormire per proteggere smalto, denti e gengive dallo sfregamento
    – Nel caso in cui il bruxismo sia causato da uno scorretto allineamento delle arcate dentarie o da otturazioni mal fatte, è bene intervenire con l’aiuto del dentista

    Fonte: Corriere.it

     

    CondividiShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on Facebook

    Comments are closed.